L’ORGANO DELLA CHIESA DI SAN DOMENICO

Ho ricevuto una e mail da parte del giovane MAURO FARINA che mi chiede notizie in merito all’organo della chiesa di S. Domenico. Con piacere rispondo alle sue richieste con l’augurio di poter dare risposte esaustive.

 

La chiesa era dotata di un organo a canne – probabilmente databile ai primi decenni del settecento – posto su una cantoria pensile collocata dinanzi la porta laterale. Successivamente fu trasferito nella cantoria, sopra il portone d’ingresso.

Nel 1948, a causa della vetustà e a seguito dei danneggiamenti subiti durante il secondo conflitto mondiale, il rettore Mons. Carmelo Cannavà decise di dotare la chiesa del Patrono di un nuovo organo. L’appalto per la costruzione dello strumento fu affidato alla ditta Schimicci di Palermo che consegnò l’opera il 17 marzo 1951.

Il nuovo organo era dotato di due tastiere di sessantuno tasti e una pedaliera di trentadue pedali e registri, fornito di mantice ria a lanterna alimentata da elettroventilatore e di una leva per alimentare il mantice a mano.

Il nuovo organo sostituì la vecchia consolle, mentre le canne furono tutte recuperate, restaurate e riposizionate nella collocazione originaria.

Le parti lignee settecentesche del fronte dell’organo furono invece collocate in prossimità della finestra del prospetto per essere visibili dall’esterno.

Sul finire degli anni settanta, l’organo necessitava di improcrastinabili interventi di manutenzione straordinaria. Il rettore Mons. Matteo Pino affidò il compito alla rinomata ditta Ruffatti di Padova che provvide a smontare tutte le canne e trasferirle presso il proprio laboratorio. In questa circostanza la consolle fu spostata dalla cantoria all’ultima arcata in prossimità dell’altare maggiore, dove è ubicata la pala della Crocifissione.

Purtroppo, l’organo restaurato ebbe breve vita. Appena qualche anno dopo, nell’aprile 1981 la chiesa fu chiusa per interminabili lavori di restauro che si sono protratti per ventisei anni.

Personalmente posso riferire di aver suonato questo strumento tra il 1984 -85 grazie al sig. Salvatore Glaciale, sagrista della chiesa Madre, che mi accompagnò per visitare l’interno della chiesa. Allora l’organo era perfettamente funzionante.

Sul finire degli anni ottanta, l’organo fu smontato, posto all’interno di casse in legno e trasferito nei locali dell’ex convento dove giace tutt’ora. Le antiche parti lignee sono state rimosse dalla finestra della cantoria e…..oggi sono introvabili.

Auspichiamo un concreto intervento da parte della Sovrintendenza ai Monumenti di Siracusa affinché abbia ripristinare lo strumento così come lo aveva trovato quando ritenne di smontarlo per procedere ai lavori di consolidamento e restauro della chiesa.

 

 

 Bibliografia:

Lina Franco, Un domenicano vestito di nero, Edizioni Nuova Grafica Floridia, maggio 2003

Matteo Pino, Diario di un Parroco, Tipografia Mario Fruciano, giugno 2000

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Conoscere il patrimonio storico-artistico. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’ORGANO DELLA CHIESA DI SAN DOMENICO

  1. Carmelo ha detto:

    mi auguro che anche quest’opera possa presto rivedere la luce….così mi posso proporre x fare un concerto…..

  2. Mauro ha detto:

    CARISSIMO PINO,TI RINGRAZIO ENORMEMENTE PER AVER SODDISFATTO LA MIA RICHIESTA CON UN ARTICOLO ESAUSTIVO COME SEMPRE. SPERIAMO CHE UN GIORNO RIUSCIREMO A VEDERE QUESTO MERAVIGLIOSO STRUMENTO NUOVAMENTE A COPRIRE IL RUOLO CHE GLI SPETTA…

  3. Giuseppe ha detto:

    Gent.mo sig. Carrabino,ho letto con vivo interesse il suo articolo riguardante questo strumento. Purtroppo gli organi hanno sempre sofferto dell’incuria e della poca sensibilità delle persone… Sarebbe bello che lei portasse a conoscenza di tutti i suoi lettori degli organi di maggiore interesse storico.In attesa di altri articoli, voglia accettare la mia richiesta d’amicizia.Giuseppe Raccuglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...